RICORDARE E COMPRENDERE home


Piazza del Cappello a Pisa

Premessa. In Chinzica di Pisa, la zona a meridione dell’Arno, si trovavano le cappelle (parrocchie) confinanti di Santa Maria Maddalena e di Santa Cristina. La prima comprendeva anche l’area prossima alla via Giuseppe Mazzini, alla via La Nunziatina e alla porzione a meridione di piazza dei Facchini, oltre che gli edifici vicini alla chiesa. La seconda, a settentrione, si estendeva dalla stessa Piazza dei Facchini al Lungarno Gambacorti e alla chiesa stessa.
Tra Quattro e Seicento, furono entrambe sede di belle case di proprietà dei frati Carmelitani, che allora erano un ordine religioso di una certa importanza in città.
I Salmuli. Una casa ad esempio è ricordata il 10 novembre 1477 allorché venne affittata a un certo Giovanni e al fratello Ludovico figli del fu Guglielmo della Barba. È descritta così: “petium unum terre cum domo a 2 solariis et claustro positum in cappella sancte M. Magdalene in classo Salmulorum ...”. Si trovava ovvero nel chiasso dei Salmuli, nome di una famiglia mercantile che qui ebbe la dimora e fondò pure uno spedale. L’ospedale però allora era dismesso o quasi. “Quasi”: perché una cinquantina di anni prima al tempo del Catasto 1427 risultava avere dei commissari e altre notizie non le abbiamo. Anche la famiglia era citata dalla stessa fonte sia come “Sarmuli” che come “Selmoli”. In particolare i beni degli eredi di Ranieri dei Selmoli limitavano una casa distrutta accatastata nei beni dell’ospedale di Santa Maria a Pontevecchio.

Il “Cappello”. Tornando agli immobili dei Carmelitani nella zona citata, nel 1547 i suddetti concessero a livello una casa nella cappella di Santa Cristina a frate Alessandro del fu Polo di Pisa sua vita natural durante. Era in “loco dicto il Cappello quod tenet unum caput in platea Cappelli, a 2° via sive classus” e aveva un altro confine nella via che andava all’Arno. Si trova annotata con orto, fondi, cantina, mansioni e pertinenze.
Presentava sotto, dalla parte della piazza, un magazzino che però non fu oggetto del livello e restò a disposizione dei frati. Frate Alessandro comunque avrebbe corrisposto un canone, al cui pagamento era obbligato un certo Federigo Alcaras mercante “yspano”.
Pochi decenni dopo, il 30 maggio 1568 pisano (= 1567) i Carmelitani - con il priore Serafino Carli da Firenze e con il capitolo (tra i frati notiamo due siciliani) - cedettero i magazzini della casa e sotto casa, dette al “Cappello” e “Cappelgrande”, per cinque anni a Giovan Francesco del fu Pier Antonio Buonaparte cittadino fiorentino provveditore della Dogana. I magazzini erano “quinque” (cinque) tra piccoli e grandi.
Il 30 ottobre 1645 gli stessi affittarono a Francesco di Giovan Battista Tizzoni detto Materello carrozziere in Pisa una casa posta “in parrochia della Maddalena et in via detta della Nuntiata con tutti i fondi e sue appartenenze”, confinante con la “via che va alla piazza del Capello” [sic], e con la stessa piazza.
Il 1 ottobre 1649 (stile fiorentino) infine dettero a pigione la “casa posta in Pisa su la Piazza del Cappello” ad Antonio di Francesco e Bartolomeo di Giovanni e “compagni Bergamaschi cosiddetti Facchini della Dogana ...”.
L’autorità di questa istituzione ormai aveva preso piede nella zona.

Fin qui i documenti trovati. Oggi la parte di città delle due antiche parrocchie si presenta trasformata rispetto al periodo sopra descritto. Tuttavia sorprendentemente (perché è trascorso quasi mezzo millennio) esiste ancora “Via del Cappello”.
La bella piazza del Cappello invece dovrebbe avere ceduto il passo, nel nome, all’odierna e più piccola Piazza dei Facchini.

Paola Ircani Menichini, 20 settembre 2019. Tutti i diritti riservati

Parte del documento del 1567 sulla casa del Cappello e del Cappelgrande.
Altre foto: 1) la zona cittadina di cui si parla rappresentata nel Catasto Ottocentesco; 2) la targa della via del Cappello, 2019.